Il tartufo bianco di San Miniato, un Novembre di profumi

Le colline di San Miniato sono la capitale in Toscana del tartufo bianco, un tubero pregiato e dal sapore inconfondibile, chiamato l’oro bianco per il pregio e la qualità.

Oltre che dalle proprietà organolettiche eccellenti, si presta ad abbinamenti culinari di vario genere, tra le più apprezzate con la pasta, come i classici tagliolini al tartufo con una leggera spruzzata di prezzemolo e limpitella, cappella di capirosso (porcino) con ventaglio di tartufo a crudo ed il carpaccio di tartufo che ne esalta i sapori con granella di pepe nero.

Quest’anno a Novembre si terrà la 45esima mostra del mercato nazionale del tartufo bianco di San Miniato, dal 14 Novembre al 6 Dicembre 2015.

San Miniato Alto in provincia di Pisa, sarà il teatro di questo spettacolo e dei suoi profumi, e potrete degustare i migliori piatti nei suoi ristoranti e trattorie dislocate nel paese, oltre a visitare un vasto mercato che si snoda lungo tutto il paese con molti prodotti tipici toscani ed italiani.

I banchi professionali dedicati al tartufo non sono per tutti, solo per intenditori, grandi Chef e catene di ristoranti, oltre a magnati arabi, russi e giapponesi.

Il tartufo bianco è diventato ormai una prelibatezza dal peso d’oro, qui parliamo di grammi, infatti, ad esempio, un piatto di tagliolini al tartufo bianco con 15 grammi di tartufo può sfiorare i 15-20 €, e se volete abbondare nessun problema, basta aprire il portafoglio.

L’associazione dei tartufai in Toscana, che ne riunisce circa 4644, di cui 1200 solo nel pisano, ne ha fatto un’icona in Toscana insieme all’altro tubero nazionale, quello di Alba.

san-miniato

Il tartufo bianco sanminiatese è un prodotto unico, si vede già dalla parte esterna liscia e non verrucosa, il suo colore giallo terra con sfumature verdicchio appena raccolto tendente al marroncino appena asciugato.

L’interno poi, detto “Gleba”, ha un colore marrone nella tonalità nocciola perorso da una fitta ragnatela interna con venature bianco-crema, nette molto distinte, quasi marmoree un capolavoro della natura.

Ma è il profumo che lo caratterizza, inequivocabile, pungente, un odore squisito, mai stucchevole o troppo intenso, molto persistente a maturazione completata, ve ne innamorerete subito appena le vostre papille gustative lo avranno analizzato, un prodotto eccellente con dei primati assoluti per grandezza, qualità e profumo.

Vi invito a degustare almeno un piatto in quel di San Miniato Alto, il borgo caratteristico, medioevale saprà rendere la vostra visita indimenticabile e ritornerete sicuramente in futuro perchè il profumo di tartufo che invade il paese è come una scia che vi attira.