Il Massaggio Linfodrenante, cura e benessere vanno a braccetto

Possiamo ritenere il massaggio linfodrenante come uno dei trattamenti primari per la cura ed il benessere del nostro corpo, riconosciuto dalla medicina tradizionale, ed anche molto utilizzato e suggerito in molte fasi critiche dell’esistenza, soprattutto al femminile, come ad esempio la gravidanza, il post parto, i casi di insufficienza venosa o di edema polmonare post-operatorio, problemi di asma bronchiale, eventi di ipertensione e molto altro ancora.

Il suo terreno di intervento è il circuito linfatico lungo il quale scorre, appunto, la linfa, un liquido che ha il compito di portare via tutte le scorie e le tossine che quotidianamente tendono ad accumularsi nel nostro organismo.

Quello linfatico è un sistema circolatorio, come quello del sangue, ma con un elemento fondamentale in meno, il cuore, che pompa e spinge il flusso. Il movimento della linfa è quindi dettato da meccanismi meno complessi, come la contrazione muscolare, ma soprattutto può essere ostacolato, o deviato, da un’innumerevole sequenza di casi, creando seri problemi alla salute.

La nascita del linfodrenaggio risale alla metà degli anni ’30, ed è attribuita ad una coppia di fisioterapisti danesi, i coniugi Vodder, a quell’epoca residenti in Francia, i quali hanno sviluppato e dato nome al principale metodo di linfodrenaggio conosciuto. Da allora la loro tecnica è stata affinata e migliorata, ed ha trovato nuovi campi di applicazione.

Oggi migliaia di donne si sottopongono a questo trattamento per contrastare la ritenzione idrica, e combattere in questo modo il nemico numero uno dell’universo femminile, cioè la cellulite.

Infatti, nonostante nel corso degli anni siano stati creati diversi tipi rimedio, come ad esempio, l’uso di pillole, creme o fanghi, niente si è rivelato efficace come il linfodrenaggio manuale per contrastare gli inestetismi della cellulite.

Questo non vuol dire che gli altri rimedi siano del tutto inutili, ed infatti anche i trattamenti ai fanghi sono considerati molto efficaci, ma in ogni caso un ciclo di massaggi linfodrenanti è sempre considerato come una buona base di partenza per combattere la cellulite, completato da uno stile di vita equilibrato ed una alimentazione varia e bilanciata.

linfodrenaggio-manuale

La tecnica di linfodrenaggio manuale non prevede l’uso della forza, ma bensì di una sequenza di movimenti dolci, con manipolazioni ripetute ed armoniche che servono a ripristinare l’equilibrio idrico, liberando in questo modo i canali occlusi.

Poiché si tratta di un vero e proprio massaggio completo, questo trattamento, grazie all’uso di una manualità morbida e costante, ha persino un grande funzione rilassante, molto apprezzata da chi riceve il massaggio.

Attenzione però: in molti praticano un trattamento di linfodrenaggio solo parziale, in particolare localizzato unicamente sulle gambe, mentre è estremamente consigliato di sottoporsi sempre ad un trattamento completo, in modo da ottenere realmente dei benefici completi e duraturi nel tempo.

Proprio per la sua altissima capacità di prevenzione dei disturbi dell’organismo, di miglioramento dell’estetica corporea e di creazione di un vero stato di benessere e relax psico-fisico, il massaggio linfodrenante è uno dei trattamenti Spa più richiesti e tra i più consigliati dai medici (che è sempre opportuno consultare).

In ogni caso l’efficacia di questo massaggio e delle sue interazioni con altri trattamenti dipende sempre dal livello culturale di benessere del centro benessere in questione e dal grado di conoscenza professionale dello staff.