La Grotta del Vento, viaggio negli inferi della Garfagnana

Il nome della Grotta del Vento è uno dei più appropriati, sono due le bocche di entrata che permettono questo flusso costante d’aria, derivato dalle diverse temperature che si trovano all’esterno e all’interno delle viscere delle sue caverne, un dislivello di circa 750 metri fa da camino e provoca in estate una piacevole sensazione.

La temperatura delle Grotta del Vento rimane costante a 10,7° gradi, la sensazione di freddo dovuta alla corrente d’aria si ferma non appena entrate.

Le due bocche di entrata dell’aria si trovano rispettivamente a 642 metri sul livello del mare (bocca inferiore), dove trovate l’ingresso per tutti i turisti, e quella superiore oltre i 1450 metri di altezza, dalla parte opposta sulla montagna.

Questa colonna d’aria si muove a fasi alterne, d’estate, essendo più fredda della temperatura esterna, scende in basso, e d’inverno, se la temperatura è rigida e minore a quella delle caverne, tende a salire.

Arrivare alla Grotta del Vento è relativamente facile, la zona però incute un certo timore, infatti il territorio della Garfagnana si trova tra colline e montagne della lucchesia, ed è rimasto scolpito all’era vulcanica, e nel tragitto di avvicinamento troverete strapiombi e strade non proprio rassicuranti.

L’uomo ha dovuto seguire le naturali vie tortuose delle colline, che si inarpicano tra le strette valli e montagne con pareti verticali, quando poi raggiungerete l’entrata, cioè la bocca inferiore della grotta, tutto sparirà e vi troverete davanti ad una apertura che si nota appena, ma che vi farà scendere agli inferi con cascatelle e piccoli fiumi.

Il percorso è verticale e non è semplicemente una passeggiata in giardino.

L’acqua ha scolpito le cavità naturali, formando cavità e percorsi attraversati da stalattitti e stalagmiti affascinanti, c’è sempre un continuo movimento tra acqua e vento.

grotta-del-vento-2

Tutta la zona carsica è costituita da anfratti e dirupi, quindi non avventuratevi nel territorio specialmente nell’oscurità, questi anfratti venivano usati dai minatori per tenere al fresco le vettovaglie, pensate a delle temperature esterne di 32-35°, o in inverno a -10 +5°, tenere il proprio pasto a 10° doveva essere più che un frigorifero naturale.

La Grotta del Vento, altro che un anfratto, quando era aperto naturalmente, senza quindi le due porte di entrata, aveva sicuramente un fascino sinistro, il vento che sprigionava aveva del misterioso.

Fu scoperta da dei ragazzi che si erano avventurati nella zona, le credenze che si erano accumulate nei secoli ne facevano un luogo popolato da streghe, i ragazzi infatti scoprirono una piccollissima parte del tragitto e si fermarono alla Sala dell’Orso, attraverso il buco soffiante.

Dai primi passi, pochi metri di esplorazione, siamo arrivati attualmente a più di 4 km di gallerie, e da rilevazioni topografiche rimangono ancora da esplorare più di 20 diramazioni, un’immensità di scoperte.

La bellezza della Grotta del Vento è proprio questa, oltre ai 3 percorsi turistici, vi potete cimentare in qualcosa di più eccitante, per i veri amanti dell’avventura, anche con luci non fisse, solo quelle del proprio casco.

I nomi dei percorsi vi dicono tutto: I Corridoi delle Tenebre e gli Abissi della Luce, con discese nel vuoto su corda che variano dai 10 ai 25 metri, percorsi in verticale, privi di sentiero, con arrampicate sulle pareti accompagnati da esperti speleologi.

Non sono percorsi adatti a tutti, e sono a pagamento, l’abbigliamento è indispensabile, a causa di queste temperature, e sopratutto dell’acqua e dell’umidità al 99%, scarpe da trekking, abiti non troppo pesanti e spolverino anti pioggia sono consigliati.

Questi percorsi più estremi è sempre meglio prenotarli, e vanno da 2 a massimo 6 partecipanti, molta attrezzatura per arrampicata e altro vi sarà fornita.

Prenotazione Percorsi Avventura: 0583 722024

Per arrivare alla Grotta del Vento sono molte le strade, a seconda di dove proveniate, comunque se avete un GPS ecco via e coordinate.

Via Grotta del Vento, 1
Comune di Vergemoli (Lucca) – Zona Garfagnana

Coordinate: Lat. 44°02’03” N (Decimale: 44,0341° N) – Lon. 10°21’27” E (Decimale: 10,3575° E)