La via Francigena in Toscana, un percorso per visitare luoghi incantevoli

La famosa via Francigena è un insieme di vie che portavano i pellegrini dalla Francia a Roma, attraversando la Toscana.

Il pellegrinaggio era una forma di espiazione dei peccati per arrivare alla meta Roma, la città della cristianità e del Papa, per rinascere nei valori del perdono e nel mettersi a disposizione degli altri.

Un percorso quello odierno in Toscana suddiviso in più tappe, una bella camminata, ma anche un’occasione per scoprire luoghi incantevoli, dei veri tesori culturali nascosti ai più, prodotti tipici del luogo e scorci naturali mozzafiato, oltre a manifestazioni, arti e mestieri che ancora solcano una tradizione artigianale, musicale e teatrale di alcune realtà locali.

Queste strade storiche possono sorprenderti in qualunque momento, come a Rocca di Staggia durante un’esibizione di falconeria, l’addestramento e la facilità di interagire con rapaci che hanno poco in comune con il genere umano è veramente straordinario, così come in un ristorante del Certaldo durante una cena a tema, lo stupore nel sentire alcuni versi del Boccaccio e ancor più al passaggio della “Torta coi Becchi”, dolce tradizionale lucchese fatto con bietole, pane raffermo, pinoli e uvetta, che alcuni commensali avevano scambiato per una quiche lorraine.

Un incontro fatto di episodi e di escursioni bellissime, luoghi che non vedresti mai in tour organizzati.

Le tappe da Lucca a Siena, con guide specializzate ed un piccolo gruppo di appassionati, si arricchiscono con la cittadina di Badia Pozzeveri, in provincia di Altopascio con visita ad un sito archeologico di un cimitero, che va dal periodo tra il 1000 e l’800, per poi raggiungere Pistoia con visita alla Cattedrale di San Zeno, all’archivio capitolare, alla chiesa di Sant’Andrea e a Badia a Pacciana, dove davanti al meraviglioso chiostro del ‘400 abbiamo assisitito ad un vero e proprio duello medioevale.

Dopo le lunghe escursioni, che siano fatte a piedi o in bici, un po’ di riposo è meritato. Altra tappa in cui merita sicuramente di soffermarsi è quella che da Poggibonsi porta a Saline di Volterra, alla scoperta della via Salaiola, famosa per il sale, più prezioso dell’oro a quei tempi.

via-francigena-bici

Visitata la parte medievale di Volterra ed alcuni scavi, tutti alle Terme Gambassi della via Francigena per un bagno turco, doccia gelata, sauna, piscina per immergersi in quei fenomeni naturali detti “bollori”, caratteristiche polle di acqua solforosa.

Tutta la nostra storia artistica e culturale si rivela nella via Francigena, con un naturale stupore delle bellezze che l’Italia vanta da secoli, dai Romani al Medioevo, popolazioni, mecenati, conquistatori hanno fatto il bel paese uno dei più grandi musei a cielo aperto di tutta la terra, e lo sappiamo, dobbiamo solo conservarlo e migliorarlo per tramandarlo a tutti. Questo è il nostro modesto compito, perché calcare nuovamente il passato e la sua straordinaria grandezza non è dei nostri tempi.