Larderello e le meravigliose colline metallifere

Partenza da Montegemoli, famoso per il suo pane cotto a legna e passando per Pomarance, paese con una storia molto antica che risale addirittura al periodo neolitico, dirigersi verso Larderello da vedere lo spettacolo dei soffioni boraciferi, unica stazione geotermica in Europa (a parte l’Islanda), per proseguire verso i suggestivi borghi medioevali di Castelnuovo Val di Cecina, Serrazzano e Monterotondo Marittimo, nei dintorni non perdersi assolutamente il parco delle Biancane per il colore delle sue rocce, i lagoni rossi e del sasso (laghi boraciferi) ed il borgo di Lustigliano a 410 m di altezza, il balcone sulle colline metallifere.

Seconda parte di questo affascinante itinerario prevede il trasferimento a Radicondoli rocca già nota a Dante, e quindi Travale, Belforte, Gerfalco paesini che sembrano rimasti ancorati a tradizioni di inizio secolo, le Terme delle Galleraie suggestive, in mezzo alla natura più selvaggia, Montieri e le sue case torri, Chiusdino ottimo il panorama che si gode da questo borgo, Monticiano, Murlo coi suoi reperti di Poggio Civitate, Torri e la sua abbazia di Santa Mustiola, Tocchi ed il suo castello, Bagni di Petriolo (rilassanti cascatelle di acqua sulfurea a cielo aperto), l’abbazia di San Galgano (dal tetto di cielo, uno dei luoghi più spirituali esistenti…si consiglia una visita notturna…), la riserva naturale dell’alto Merse e del Farma (patrimonio naturalistico considerevole, con gli ultimi esemplari di lontra presenti in Italia), ed il museo del bosco di Orgia.